Monopoli: “Difficoltà oggettive nel riprendere, meglio iniziare a programmare prossima stagione”

274

Seconda settimana di emergenza sanitaria che il Paese sta vivendo cercando di rispettare le indicazioni del Governo, vale a dire restare rigorosamente a casa. Puglia5 vi tiene compagnia con una nuova intervista, quella a Massimo Monopoli, tecnico della puroBio Noci, matricola della Serie A femminile.

L’approccio alla nuova avventura non è stato facile per le biancoverdi, “Le difficoltà principali sono state, da parte di tutti, di adattamento alla categoria. La serie A è un impegno fisico e mentale, oltre che tecnico, al quale devi essere pronto e saperti adattare – esordisce mister Monopoli”.
Con il tecnico nativo di Putignano abbiamo analizzato il momento storico del futsal femminile italiano, “Credo che viva una fase di stallo. Si è investito poco e niente nel settore giovanile – ammonisce Monopoli – quindi poche giocatrici italiane giovani di qualità. Questo provoca problemi a cascata che sono: difficoltà nel reperire giocatrici tecnicamente valide e con disponibilità di tempo. Se non hai forza economica è quasi impossibile, devi quindi andare a pescare all’estero”.

Un passato in Serie A maschile con lo Sport Five Putignano, un presente in A femminile a Noci, sul suo futuro Massimo Monopoli dichiara, “Sono nel femminile da sei anni e da due sono in una società come poche, quindi darò precedenza alla puroBio Noci in base anche a quelle che saranno le volontà societarie. Come del resto faccio ogni anno – ammette – perché il mio ruolo di tecnico me lo impone, ascolto chi chiede la mia collaborazione che sia nel femminile o maschile. Ma ora, per il momento che viviamo, credo sia prematuro pensare a questo”.
Per l’appunto, un momento storico particolare con un futuro ancora lontano e da decifrare dal punto di vista sportivo, “Credo, per essere realista, che il campionato ha delle difficoltà oggettive nel riprendere – sottolinea Monopoli. Siamo ancora in lotta con un avversario imprevedibile, ed è a lui che dobbiamo rivolgere, da squadra comune, le nostre attenzioni e sconfiggerlo. Spero che questo tempo, guardando al mondo del futsal, venga utilizzato per iniziare a programmare la prossima stagione, perché non sarà semplice reperire risorse economiche, quindi quelle che ci sono che vengano risparmiate per iniziare con ardore il prossimo anno – conclude – e ritrovarci a fare in piena serenità e consapevolezza quello che amiamo tanto”.