Montemurro: “Anche nostri campionati debbano mettere la parola fine a questa stagione”

603

Nel giorno di Pasqua il presidente della Divisione Calcio a 5, Andrea Montemurro, scrive al mondo del futsal italiano, parlando delle prospettive del movimento dopo il prolungamento della restrizione da parte del Governo sino al prossimo 3 maggio, al quale e seguito l’allungamento della sospensione dei campionanti sino al 4 maggio (leggi qui).

“Rispetto al mio ultimo intervento, nel quale indicavo la data del 14 aprile come momento chiave per decisioni importanti, devo, mio malgrado”, dichiara Montemurro, “constatare che nel frattempo altre federazioni, fra tutte volley e basket che governano discipline sportive e campionati di vertice abbastanza simili ai nostri, sia per gli aspetti organizzativi, sia per aspetti economici, hanno preso la drammatica ma responsabile scelta della interruzione definitiva di tutti i campionati”.

“In tutta sincerità, confesso di essere assolutamente allineato alle scelte di questi sport”, sottolinea, “e credo che anche i nostri campionati debbano mettere la parola fine a questa stagione. Oggi ritengo che sia assolutamente contrastante parlare ancora di spettacolo, titoli, scudetti e premi, in questi giorni caratterizzati ancora dal bollettino serale del capo della Protezione Civile sul numero dei morti e dei nuovi contagiati, che non accenna a fermarsi e ci fa tremare sera dopo sera”.

Vorrei poter mantenere l’illusione di un’altra soluzione, nell’interesse delle società eventualmente protagoniste, ma anche e soprattutto di coloro che amano il futsal. Naturalmente, la decisione sul futuro dei campionati sarà collegiale; noi siamo e ci sentiamo parte di una Federazione”, ricorda il presidente della Divisione Calcio a 5, “e della Lega di appartenenza e desideriamo perciò condividere la miglior soluzione possibile nel rispetto di tutti, tenuto conto delle specificità di ciascuno, ma consapevoli delle peculiarità della nostra disciplina rispetto al calcio”.

“Il mio pensiero ultimo è ancora una volta alla coesione, a non lottare per inutili poteri personali o poltrone con il proprio nome: forse, oggi il ruolo e la responsabilità devono essere prevalenti sugli aspetti umani di rivalsa personale, oggi il futsal ha bisogno di unione”, chiosa Montemurro, “I miei più sinceri auguri di tutto cuore a tutta la famiglia dello sport più bello del mondo.