Alessandra de Bari nuova guida tecnica della Nox Molfetta

72

La Nox Molfetta riparte da una grossa novità in vista del prossimo campionato di serie C femminile. Alla guida del club ci sarà infatti Alessandra de Bari.

Per la de Bari un passaggio dal campo alla panchina dopo aver giocato per due anni nella compagine molfettese, uno di questi da capitano. “Con Alessandra parte un nuovo ciclo per la nostra società”, dichiara la dirigenza, “ciclo che si fonda sulla piena fiducia che tutti noi abbiamo in lei dopo averla conosciuta nello spogliatoio e in campo dapprima come giocatrice e poi come nostro capitano”.

Non è stato per niente facile prendere questa decisione – esordisce coach de Bari – soprattutto perché significava lasciare il calcio giocato, ma quando la società mi ha proposto questa nuova avventura, seppur con qualche leggero timore iniziale, non ho potuto rifiutare. Fondamentale è stato per me sentire il forte appoggio di Nico Camporeale e di tutta la dirigenza della Nox Molfetta che ha contribuito a far crescere in me un entusiasmo tanto simile a quello che ho sentito negli anni passati da giocatrice. Mi sono detta: è la stessa passione di sempre, uno sport di cui sono stata e ancora sono innamorata, perché non provare a trasmettere alle ragazze tutto ciò che ho imparato in tanti anni di campo, spogliatoio, allenamenti, partite, vittorie, gioie, sconfitte, lacrime?”.

Sulle prospettive del progetto la de Bari dichiara, “Mi piacerebbe crescere insieme a queste ragazze che da subito hanno riposto la loro fiducia in me, con lo stesso spirito di sacrificio e la stessa dedizione che da sempre ho per questo sport. Crescere in questo nuovo ruolo che, sin da piccola, un pò mi ha sempre affascinato. Ringrazio ancora il presidente Luciano Savi con la promessa e con l’impegno di mettercela tutta – conclude coach de Bari – per fare in modo che questo campionato sia bello, sano, divertente ed entusiasmante per tutta la Nox”.

Ad accompagnare la de Bari in questa sua prima avventura in panchina ci sarà Nico Spadavecchia nel ruolo di preparatore dei portieri, lui al sesto anno alla Nox Molfetta. “Questa società per me è una seconda casa e non ho esitato a continuare il lavoro iniziato, nonostante diverse altre proposte. Una stagione con un nuovo sapore non solo per via della convivenza con la situazione covid e di tutto ciò che ne consegue, ma anche perché accanto in panchina non avrò più l’amico/mister Nico Camporeale che farà il dirigente a tempo pieno. Sarà interessante osservare da vicino Alessandra de Bari in versione mister, la conosco da tanti anni e sono sicurissimo che farà un ottimo lavoro perché è una ragazza intelligente e competente”.