L’Atletico Cassano resta “al palo”, il Mantova si impone nell’andata della finale playoff

30

È un risultato bugiardo quello che ha sancito la vittoria per 2-1 del Mantova Calcio a 5 nella finale d’andata dei play off di Serie A2: un Atletico Cassano gagliardo le ha provate tutte per battere, al PalAngelillo, un avversario figlio del più classico dei “chiusi, stretti e pronti a ripartire”.

Gara a senso unico con gli uomini di mister Parrilla in attacco per tutti i quaranta minuti che hanno ceduto solo per un paio di disattenzioni difensive sui contropiedi degli ospiti e hanno colpito i legni della porta mantovana per ben otto volte, senza contare il calcio di rigore parato, con parecchia fortuna, dal portiere ospite. Un risultato che, però, lascia ancora apertissimi i giochi per la promozione nel gotha del futsal nazionale: venerdì prossimo, a Mantova, se l’Atletico Cassano sarà capace di replicare la prestazione di ieri e, soprattutto, se la fortuna deciderà di non voltare nuovamente le spalle ai biancocelesti, i “pellicani” avranno la possibilità di ribaltare il risultato. D’altra parte, arrivati a questo punto, crederci è un dovere: dipende tutto da Cutrignelli e compagni. A Mantova conterà solo vincere!

LA PARTITA: Perri è ancora fermo ai box per un problema alla caviglia, così mister Parrilla opta per lo starting five composto da Dibenedetto, Caio, Pina, Manzalli e Cutrignelli. Ed è proprio del capitano il primo tiro dalla distanza che sfiora il palo alla destra di Ricordi. Stessa sorte, dall’altra parte, per un tentativo di “Arrepiù” Manzali per il Mantova Calcio a 5

Ed è subito monologo biancoceleste: Cutrignelli ci prova di nuovo, senza fortuna, dalla distanza; Ricordi riesce a bloccare, in uscita, Pina e Caio; Moraes vede respingersi un calcio di punizione dal portiere avversario; Caio, scatenato, recupera palla a centrocampo e s’invola in banda sinistra, incrocia ma non è preciso; Pina è fermato nuovamente da Ricordi; e sempre Caio, dalla distanza, scheggia la traversa. Quando meno te lo aspetti, al 6’, arriva il vantaggio degli ospiti: Manzali, su lungo lancio di Ricordi, approfitta di un pasticcio difensivo dei biancocelesti per insaccare a porta vuota vanificando il tentativo di salvataggio sulla linea di Moraes. Alemão Glaeser prova a girarsi dal limite ma calcia fuori; Ricordi manda sul palo un tiro di Moraes e ne para uno di Cutrignelli. Al 9’, però, il portiere avversario non può far altro che atterrare Manzalli che lo aveva saltato ed era pronto a calciare: è calcio di rigore. Pina dal dischetto tira centrale, Ricordi non si muove e la para praticamente col volto. L’Atletico Cassano insiste a caccia del pareggio: un Ricordi in giornata di grazia para i tiri di Moraes e Pina, Alemão Glaeser colpisce la traversa. A due minuti dalla fine del primo tempo Pina fa impazzire gli avversari ed entra in area di rigore, va al tiro e Kytola “para” da terra: espulsione per il finlandese del Mantova e secondo calcio di rigore per l’Atletico Cassano. Questa volta sul dischetto va Caio che non sbaglia e trova il gol del pareggio per i “pellicani” che proprio sul suono della sirena colpiscono un palo incredibile con Cutrignelli che incrocia dalla sinistra, vede il pallone impattare sul legno, percorrere tutta la linea di porta e spegnersi in out.

In avvio di ripresa è sempre e solo l’Atletico Cassano a fare la partita: De Cillis e Alemão Glaeser triangolano con il brasiliano che serve il biscegliese a porta sguarnita. “Sheva”, però, arriva sul pallone scoordinato e sbaglia il gol del vantaggio che, invece, trova il mantova, in contropiede con Leandro al 9’. L’Atletico Cassano continua a tenere saldo in mano il pallino del gioco ma Ricordi (nega il gol a Manzalli, Caio, Pina, Alemão Glaeser, Moraes e Cutrignelli) e i legni (clamorosi quelli colpiti da Alemão Glaeser di testa sugli sviluppi di un corner e, poco dopo, con un tiro dal limite dell’area di rigore e quello di Pina a 30’’ dal suono della sirena) regalano la vittoria, davvero immeritata, al Mantova Calcio a 5.

Il discorso promozione, dicevamo, è ancora aperto: a Mantova servirà solo vincere. E questo Atletico Cassano sa farlo, giocando e divertendo. Un paese intero continua a credere in un sogno distante appena quaranta minuti.

ATLETICO CASSANO – MANTOVA CALCIO A 5 1-2 (pt 1-1)

ATLETICO CASSANO: 1. Dibenedetto; 6. De Cillis; 7. Caio; 8. Rella; 10. Cutrignelli (Cap.); 13. Manzalli; 20. Pina; 21. Volarig; 23. Casati; 26. Pellecchia; 27. Alemão Glaeser; 70. Moraes. Allenatore: Pablo Parrilla

MANTOVA CALCIO A 5: 1. Fontaniello; 2. Gumeniuk; 4. Lutta; 5. Leandro; 6. Kytola; 7. Hosio; 8. Ziberi; 10. Manzali (Cap.); 12. Ricordi; 14. Di Guida; 20. Ortega; 25. Rocha. Allenatore: Giuseppe Milella

ARBITRI: Luca Petrillo di Catanzaro, Arrigo D’Alessandro di Policoro e Lorenzo Agostinelli di Bari (cronometrista)

MARCATORI: 5’45’’ pt Manzali (M) – 18’05’’ pt Caio (AC) su calcio di rigore – 8’59’’ st Leandro (M)

AMMONITI: 9’34’’ pt Ricordi (M) per gioco scorretto – 13’13’’ pt Kytola (M) per gioco scorretto – 7’52’’ st Caio (AC) per gioco scorretto – 8’24’’ st Ziberi (M) per gioco scorretto – 18’38’’ st Cutrignelli (AC) per simulazione

ESPULSI: 18’04’’ pt Kytola (M) per gioco scorretto

NOTE: 9’35’’ pt Ricordi (M) para un calcio di rigore a Pina

Vito Surico